News

Il selfie cool diffuso all'istante – I giovani amano le piattaforme per la comunicazione veloce online

I risultati dello Switch Junior Web Barometer confermano che oggi Facebook è parte integrante della quotidianità dei giovani di ogni fascia d'età. Il "gigante blu" subisce, tuttavia, la concorrenza sempre più forte di altre piattaforme che si possono utilizzare velocemente nei ritagli di tempo, quali ad esempio Instagram.

Pubblicato il 04.02.2015

La Fondazione Switch ha condotto, per la sesta volta, un sondaggio online tra i giovani appartenenti ad ogni fascia d'età compresa tra gli 8 e i 20 anni relativamente all'uso di internet e dei social media. Allo studio hanno partecipato 371 ragazzi e giovani provenienti dalla Svizzera tedesca e occidentale.  

Facebook è meno attraente

I ragazzi e i giovani usano internet innanzi tutto come forma di intrattenimento. In tal senso i social network vanno a soddisfare diversi bisogni delle giovani generazioni. Sebbene risulti difficile sottoporre a confronto diretto le piattaforme, a causa delle loro diverse funzioni, è possibile individuare determinate tendenze. Facebook viene ancora largamente utilizzato e soprattutto la maggioranza dei bambini ha una opinione positiva di questa rete (88%). I giovani sono, a questo riguardo, meno euforici rispetto a prima. Addirittura più della metà afferma che negli ultimi tempi Facebook li innervosisce. "Facebook ha sicuramente perso un po' del fascino del nuovo e del trendy presso i giovani. La piattaforma appartiene alla quotidianità e non è più così entusiasmante come all'inizio", afferma lo psicologo dei media Daniel Süss della ZHAW interpretando i risultati.

YouTube e WhatsApp continuano ad essere sempre molto amati presso tutte le fasce d'età. Il grande vincitore sembra essere Instagram, utilizzato per la comunicazione visiva. "(...) ciò che si può usare più velocemente, anche nei ritagli di tempo, viene usato più spesso (...)" spiega Süss.

Sempre più spesso online

La frequenza nell'utilizzo di internet presso tutte le fasce di età è aumentata rispetto ai risultati degli anni precedenti. Il 37% dei ragazzi tra gli 8 e i 12 anni è quotidianamente online. Presso i ragazzi tra i 13 e i 16 anni la percentuale è dell'82%. Nella fascia di età a partire dai 17 anni il 98% dei giovani naviga quotidianamente in rete.

Tali risultati dimostrano che internet diventa qualcosa di sempre più scontato presso le giovani generazioni. "I giovani e i ragazzi sono, in particolare, più spesso online per pochi istanti quando vogliono comunicare o intrattenersi, ad esempio quando si trovano ad usare i mezzi pubblici oppure durante l'intervallo a scuola", spiega Daniel Süss.

Laddove la durata di utilizzo resta invariata presso i bambini, i giovani risultano essere online non soltanto più spesso ma anche sempre più a lungo. Particolarmente rilevante: il 33% dei giovani al di sopra dei 17 anni è online per più di quattro ore al giorno. Tale dato è notevolmente superiore a quello degli anni precedenti (2013: 9%, 2012: 8%).

Intervista con il Prof. Dr. Daniel Süss, psicologo dei media presso la Scuola Universitaria di Scienze Applicate (ZHAW), in merito allo SWITCH Junior Web Barometer.

Valutazione dell'inchiesta (tedesco)